venerdì 21 giugno 2019

SVERSAMENTO IDROCARBURI IN SPIAGGIA: STRAGE DI UCCELLI PROTETTI

SVERSAMENTO IDROCARBURI IN SPIAGGIA: STRAGE DI UCCELLI PROTETTI
www.TheObservatory.it  Reati ambientali commessi spudoratamente in una delle aree protette della Riviera Adriatica. Siamo nel tratto di spiaggia nord del Comune di Civitanova Marche, compresa nella più vasta area numero 48 con la presenza di poche unità di "Corriere Piccolo" una razza volatile in pericolo di estinzione. Questa mattina, Venerdì 21 giugno 2019, intorno alle ore 11,00, i bagnanti e il bagnino del salvataggio hanno avvertito un forte odore di idrocarburi, nafta, gasolio ed hanno avvistato enormi chiazze oleose tra la spiaggia e il sottopassaggio "Tre Case" davanti l'Eurospin e l'Autolavaggio. Risultato disastroso per i volatili di razza protetta: i pochi piccoli nati lo scorso 17 giugno 2019, come avevamo documentato nel precedente servizio (Link) sono morti dopo appena 5 giorni di vita. Sono intervenuti i Carabinieri forestali e la Capitaneria di Porto.


sotto: via facebook abbiamo ricevuto anche un video di una turista scandalizzata dallo sversamento; ecco una significativa scansione
Aggiornamento cronaca ambientale, Domenica 28 Luglio 2019 ore 16,55, Area Ambientale Protetta n° 48 Regione Marche, Comune di Civitanova Marche. I tre corpicini ritrovati morti nell'immediatezza dello sversamento di idrocarburi e di altre sostanze altamente tossiche (fotocronaca sopra) facevano pensare che anche il quarto Corriere Piccolo nato il 17 giugno 2019 fosse morto ed il corpicino fosse andato perso, ...invece si è salvato!! Eccolo (sotto) in tre scatti molto significativi insieme alla mamma che insegna i primi rudimenti sulle "tecniche di volo". In effetti 28 giorni di vita non hanno permesso il completo sviluppo delle ali che sono ancora troppo piccole per volare. L'unico superstite degli unici quattro Corrieri Piccoli nati in questa stagione - in questa area ambientale protetta - probabilmente inizierà a volare a quasi due mesi di vita, a patto che riesca a salvarsi dal fiuto dei cani (ultima foto sotto).
 
 
 sotto: nonostante i cartelli di avvertimento continuano indisturbati gli accessi abusivi nell'area


Nessun commento:

Posta un commento