domenica 3 giugno 2018

Stampa e giustizia. La nuova legge sulle intercettazioni telefoniche: approfondimento di studio a Milano in Statale

Stampa e giustizia
La nuova legge sulle intercettazioni telefoniche:
approfondimento di studio a Milano in Statale
Corso di formazione deontologico 12 giugno h. 14,30-18,00 (5 crediti in Sigef) Aula 208 Università degli Studi, via Festa del Perdono 7, Milano Relatori: Armando Spataro (Ex Magistrato antiterrorismo a Milano, Procuratore Capo a Torino), Luigi Ferrarella (cronista giudiziario del Corriere della Sera), Salvatore Scuto (avvocato), Gian Luigi Gatta e Francesca Ruggieri (docenti universitari). Moderano: Marinella Rossi (Comitato indirizzo Master in giornalismo) e Ilaria Li Vigni (avvocato e giornalista) D.lgs. 29/12/2017 n.216 DIFFUSIONE DI RIPRESE E REGISTRAZIONI FRAUDOLENTE: FINO A 4 ANNI DI CARCERE. Carcere fino a 4 anni per "chiunque, al fine di recare danno all'altrui reputazione o immagine, diffonde con qualsiasi mezzo riprese audio o video, compiute fraudolentemente, di incontri privati o registrazioni, pur esse fraudolente, di conversazioni, anche telefoniche o telematiche,   svolte in sua presenza o con la sua partecipazione". Delitto punibile a querela della persona offesa. La punibilità è esclusa se la diffusione delle riprese/registrazioni è finalizzata alla utilizzazione in un procedimento amministrativo o giudiziario o per l’esercizio di difesa o del diritto di cronaca. Riportiamo qui di seguito la lettera di Fabio Cavalera - Consigliere Ordine Giornalisti Lombardia, Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo. "Cara Collega, Caro Collega, il 26 luglio cambierà il modo di fare cronaca? La libertà di stampa sarà ingabbiata da norme che ci imporranno il paludamento nella ufficialità? La giusta tutela della privacy è il pretesto per mettere il bavaglio alle notizie e alle inchieste scomode? Scusate la banalità delle domande ma un dato è certo: quel giorno, ormai vicinissimo, dovrebbe diventare operativa, se non interverranno proroghe, la disciplina sulle intercettazioni telefoniche che, in un modo o nell’altro, avrà un impatto importante sul nostro lavoro. Commetterebbe un grave errore chi pensasse che la nuova legge con cui dovremo fare i conti è un affare di esclusiva competenza dei giornalisti impegnati nella cronaca giudiziaria. In realtà l’impatto sarà complessivo e coinvolgerà tutti, proprio tutti, nei quotidiani, nei periodici di informazione politica e nei periodici di informazione leggera e di intrattenimento, nei blog, nelle radio, nelle televisioni. Ecco perché, questa volta, dedichiamo la nostra newsletter alle intercettazioni telefoniche ed ecco perché l’Associazione Walter Tobagi ha collaborato con l’Università nella organizzazione dell’evento formativo deontologico del 12 giugno pomeriggio nell’aula 208 in Statale (è in piattaforma Sigef). Crediamo che la normativa vada spiegata nelle sue ricadute e nelle sue criticità affinché ognuno di noi possa riflettere anche per offrire una risposta ragionata alle domande iniziali. La discussione è aperta fra chi crede che la legge sia un "gentile regalo" impacchettato per tapparci la bocca e chi invece pensa che nelle maglie del decreto legislativo vi siano comunque spazi non piccoli per continuare ad andare controcorrente riportando, con onestà e con i dovuti riscontri, i fatti sui quali vi è un prevalente interesse pubblico alla divulgazione. Conoscere questi spazi, per poi occuparli in modo intelligente e serio, è essenziale nel nostro presente e nel nostro futuro. E a proposito di futuro è lì che guarda Andrea Fioravanti allievo del master di giornalismo, il settimo biennio che sta terminando. Nel suo pezzo ci spiega come alcuni colleghi della scuola abbiano avviato interessanti start-up giornalistiche e abbiano ipotizzato nuovi progetti editoriali.   È solo con le idee, con il coraggio e con la passione che si affrontano le sfide professionali. Lo abbiamo detto la volta scorsa e lo ripetiamo: intendiamo, come Associazione Walter Tobagi e come Ordine Giornalisti della Lombardia, avere un occhio attento alle tematiche del presente e alle prospettive del domani. Un impegno che ci auguriamo possa essere utile."

"Estate Sicura" con la Polizia di Stato

"Estate Sicura" con la Polizia di Stato

Riviera Adriatica 3 giugno 2018. Torna l'operazione sulla sicurezza pubblica estiva posta in essere da reparti operativi interforce della Polizia di Stato a terra e in aria con tanto di elicotteri che sorvolano a bassa quota il tratto costiero. Eccone uno nelle due belle foto scattate dai nostri reporter sul territorio.