giovedì 19 ottobre 2017

Crimini Ambientali: Spara col Fucile in Area Protetta sulla Statale Adriatica

Crimini Ambientali: Spara col Fucile in Area Protetta sulla Statale Adriatica
 Riviera Adriatica - Regione Marche - Ottobre 2017. Da un paio di anni uno o più soggetti non identificati hanno preso di mira l'Area Naturalistica Protetta situata a nord di Civitanova Marche e riconosciuta con la Legge Regionale 54/72 come ben descritta nel cartellone illustrativo (Fotocopertina servizio) dove vengono indicate le specie protette tra cui il "Corriere piccolo" che può sembrare il nome di un giornale ma si tratta di un uccellino di rara diffusione che ama correre sulle proprie zampette nell'arenile con flora e fauna particolarmente adatta alle sue esigenze di vita. Spesso però, specialmente nel periodo di mezza estate, cioè quando le coppie di uccellini in questione si sono riprodotte e stabilizzate nella zona protetta, arrivano dei cacciatori di frodo in orari in cui la popolazione balneare è ancora assente, quindi verso le 5 del mattino, ponendo in essere una vera mattanza. Non contenti dello "sterminio estivo", tali soggetti "Autentici Criminali col fucile" proseguono anche in altre stagioni la mattanza: ecco alcune foto scattate nel periodo autunno/inverno 2017 con gli uccellini impallinati proprio a ridosso della ferrovia Ancona-Pescara, IN PIENO POMERIGGIO (dalle ore 14,00 alle 16,00 del 16 ottobre 2017) col rischio di colpire anche gli ignari passeggeri dell'importante snodo di scorrimento ferroviario che unisce il nord al sud del Paese. Ci sono pure soggetti che accedono noncuranti dei cartelli, appiccando fuochi (foto sotto), calpestando le zone, compiendo in essere altri crimini oltre a quelli ambientali (consumi smodati di alcool acquistato da soggetti islamici radicalizzati nel nuovo supermercato e consumato in spiaggia, atti osceni in luogo pubblico, spaccio di stupefacenti, prostituzione maschile, femminile italiana ed extracomunitaria). Di più: i Cacciatori di frodo rischiano di colpire pure i clienti dell'antistante autofficina Citroen, del nuovo supermercato Eurospin e gli automobilisti della Statale Adriatica. Nell'area in questione c'è anche un deposito di bombole di Gas metano che se colpite col fucile per un errore di mira "potrebbero reagire male" esplodendo e causando un'autentica strage nel distributore e sulla Statale (freccia blu ultima foto nel servizio). Sono state più volte chiamate le Forze dell'Ordine (113, 112, 1515 Forestale) ma il/gli autore/autori degli atti criminosi sono ancora Liberi "Uccel di Bosco".  
in coda: la Lettera del WWF al Ministro dell'Interno circa la pericolosità della diffusione e dell'uso dei fucili a canna lunga che sono in grado di colpire chiunque si trovi nel raggio di 4 km.

 
 Area Protetta n° 48
Legge Regionale n° 52/1974 art. 7
Delibera Giunta Regionale n. 1467 del 22.6.1998

 
sopra:
STOP caccia in Aree Protette !!
il Consiglio di Stato pone il Divieto assoluto
1° Titolo del TG RAI regionale 24.10.18

 
 

 
 

 il WWF scrive al Ministro dell'Interno Minniti
ecco il contenuto

17 morti e 27 feriti in meno di 3 mesi dall’apertura della caccia. Questo il bilancio della prima parte della stagione venatoria in corso che emerge dai dati dell’Associazione vittime della caccia. Un numero preoccupante che coinvolge sia cacciatori sia persone del tutto estranee all’attività venatoria. Il WWF ha così deciso di scrivere al ministro dell’interno, Marco Minniti, sottolineando l’urgenza del problema e la necessità di intervenire con una serie di misure. Non si tratta di fatalità, come spesso si legge dalle cronache dei giornali locali, ma di incidenti tutt’altro che inevitabili e spesso causati da una " aperta violazione della Legge quadro nazionale (Legge n.157/1992) e delle Leggi regionali di settore" come si legge nella lettera a firma del Vice Presidente dell’Associazione, Dante Caserta. Secondo il WWF i comportamenti più pericolosi alla base di questa "escalation" (erano state 16 le vittime della caccia in tutta la stagione 2016-2017) sono: il mancato rispetto delle distanze minime da strade e centri abitati; una tendenza a sparare senza inquadrare il "bersaglio"; la cattiva abitudine di accompagnare le battute di caccia , soprattutto quella al cinghiale, con "colazioni", spesso comprensive di vino e altri alcolici . A tutti questi fattori negativi si aggiunge l’elevata età media dei possessori di licenza di caccia. In particolare il mancato rispetto della distanza di sicurezza da abitazioni e centri abitati aumenta di molto il rischio di provocare incidenti: non sono mancati episodi nei quali i pallini da caccia hanno centrato cortili o abitazioni. "A tali comportamenti – si legge nella lettera WWF indirizzata al ministro dell’Interno - si accompagna la possibilità per un cacciatore alla prima licenza di caccia (18 anni) di detenere e utilizzare un numero illimitato di fucili da caccia, anche a lunga gittata". Queste e altre cause, rintracciabili anche nei rapporti delle guardie volontarie WWF, aumentano di numero se si considera la caccia al cinghiale, tra le più cruente. La cosiddetta "braccata" infatti, è un tipo di caccia complessa, che richiede un grado di perizia maggiore e un’ottima conoscenza dell’habitat circostante. Una pratica di questo tipo dunque, può risultare ancora più rischiosa se praticata in zone frequentate da "civili". Spesso con fucili da caccia regolarmente registrati si sono commessi anche omicidi. Questo aspetto, unito al problema dell’uso di alcol, fa sorgere legittimi dubbi sull’accuratezza delle verifiche psicologiche a cui vengono sottoposti i cacciatori, prima di consegnare loro armi estremamente pericolose. Alla luce di queste osservazioni, il WWF Italia ha proposto alcune misure preventive da mettere in atto il prima possibile per evitare che il numero di vittime innocenti continui ad aumentare. Tra queste: incrementare l’attività di vigilanza e rendere molto più severi gli esami per la licenza di caccia; limitare l’uso di armi a canna rigata, in grado di sparare a 4 km di distanza; effettuare maggiori controlli sulle licenze di caccia, vietare l’assunzione e la detenzione di sostanze alcoliche. Prendere in seria considerazione anche il divieto di caccia nei giorni festivi nelle aree altamente frequentate da sportivi ed escursionisti. La maggior parte delle giornate di caccia si svolgono infatti il sabato e la domenica, nei quali i cacciatori si trovano a occupare spazi sottraendo, con l’esercizio dell’attività venatoria, tranquillità e serenità a famiglie e amanti della natura. Infine il WWF chiede al ministro Minniti di agevolare la nomina di nuove guardie volontarie delle associazioni di protezione ambientale, favorendone altresì quanto più possibile le attività, oggi ostacolate e comunque caricate di un gravame burocratico eccessivo non adatto ad un’attività di volontariato svolta a favore della collettività.
Direct Link News WWF:
AGGIORNAMENTI
sotto: immagini relative al servizio del 12 gennaio 2018 ore 13,33 tra Loreto e Osimo, sulla Statale Adriatica in piena zona di ripopolazione Divieto di Caccia
 



Aggiornamenti: 24 aprile 2018 ore 16,30: due operatori ecologici extracomunitari raccolgono lo sporco sull'arenile e lo gettano all'interno dell'area ambientale protetta delimitata dalle corde foto + video
 

danni dopo la mareggiata di inizio novembre 2018
gli spari verso l'area ambientale proseguono ... "indisturbati"

venerdì 6 ottobre 2017

Federazione Argentina: 7000 biglietti gratis agli Ultras

Federazione Argentina
7000 biglietti gratis agli Ultras
6 Ottobre 2017. Buenos Aires. Dal nostro corrispondente Javier Pagano. È arrivato il giorno. Questa notte, all'1,30 locali, alla 'Bombonera' di Buenos Aires si giocherà Argentina-Perù, sfida decisiva per le qualificazioni sudamericane al Mondiale 2018. La Federazione Argentina pagherà di tasca propria ben 7.000 biglietti agli ultras del Boca Juniors, con l'intento di avere un clima infernale che spinga la squadra Albiceleste. Hanno vietato l’ingresso a famiglie con bambini. Si dice che abbiano fatto uscire, con dei permessi temporanei, anche ultras che erano in carcere da tempo. Vogliono che il pubblico canti ininterrottamente per due ore, usi qualsiasi cosa per fare rumore, compresi petardi di grande taglio, trasformando lo stadio in un catino da guerra. Il Perù, invece, si presenterà portandosi la propria acqua e rifiutandosi di bere quella che potrebbe trovare allo stadio, perché è risaputo che negli spogliatoi della nazionale Peruviana diano acqua con dei batteri che favoriscono sonnolenza nelle gambe e nella testa dei calciatori ospiti. Se la federazione Argentina ha deciso che la sfida decisiva si giochi allo Bombonera c’è un motivo ben preciso: in quello stadio non si esce vincitori se non facendo attenzione a tutto. "La Doce del Boca" è composta da gente con il diavolo in corpo, che ti urla nelle orecchie per 95 minuti. Insomma, questo è il clima, con i tifosi che già si stanno muovendo, nonostante manchino parecchie ore all'inizio del match. Ci saranno sismologi in grado di sentire le vibrazioni che daranno le urla e i colpi durante la partita. Si, un terremoto artificiale, per quanto lieve, per circa 2 ore, si verificherà a Buenos Aires. Ognuno di noi amanti del calcio, un giorno spera di assistere ad una partita in questo stadio, fra questa gente, fra questi colori. Forse il viaggio di Dante non era tanto immaginario, forse nell'Inferno ci è stato davvero: era entrato per sbaglio nella Bombonera...
Servizio di Javier Pagano (in fotocopertina con la scansione dello Stadio), vice Sindaco Emerito di Porto Recanati, corrispondente da Buenos Aires per  www.TheObservatory.it

lunedì 7 agosto 2017

Stragi del Sabato Sera: il Report di The Observatory

Le Stragi del Sabato Sera
il Report di The Observatory
Elisa Sbrescia di appena 21 anni ha attraversato la pericolosissima Statale Adriatica, forse con la solita disattenzione causata dagli smartphone alla mano, un'autovettura l'ha uccisa sul colpo facendole fare un volo di almeno 20 metri dalle strisce pedonali su cui stava camminando (foto 1). Alle 3 di notte, reduci dal sabato sera dei divertimenti lungo la costa, i giovani, magari dopo aver bevuto alcolici e con i riflessi poco reattivi, continuano a dare più importanza alla realtà su internet che alla pericolosità di ciò che li circonda. Si pensi solo al caso eclatante di qualche mese fa di una ballerina della Scala di Milano che è stata urtata da un tram mentre lei guardava e ascoltava allegramente con le cuffiette un video dal proprio smatphone mentre passeggiava pericolosamente a ridosso delle rotaie nel centro storico. A lei però è andata bene, a parte qualche trauma contusivo. Ad Elisa purtroppo è andata diversamente. Tre scatti da varie angolazioni rappresentano chiaramente la scena della tragedia. A seguire le Locandine dei quotidiani di Lunedì 7 Agosto 2017. Tra i vari commenti di commozione delle sue amiche riproponiamo quello di Erika Di Paolo su facebook. Sotto: un altro drammatico incidente sulla statale Adriatica a Fontespina, miracolosamente illesi i due ragazzi a bordo che tornavano dal Sabato sera in discoteca. Ovviamente se l'autovettura fosse caduta giù dal viadotto ci sarebbero state conseguenze ben peggiori. www.TheObservatory.it
 



sotto: Gersiglio Andreani gestisce da molti anni il mercatino dell'ortofrutta davanti le strisce pedonali dove è stata investita e uccisa la giovane ragazza, all'incrocio tra la nazionale e la via per "Villa Pini": «davanti le "mie strisce pedonali" in circa dieci anni ho visto autovetture investire e ferire gravemente una dozzina di persone, tra cui anche una dipendente comunale. Mi spiace molto per la giovane uccisa che abitava proprio davanti al mio esercizio commerciale». E' quindi chiaro che l'attraversamento pedonale sulla statale adriatica a ridosso della svolta per l'ospedale è un punto nevralgico per la sicurezza dei pedoni che tornano dal lungomare centro-nord a casa o viceversa.




martedì 9 maggio 2017

Il Maltese: Kim Rossi Stuart è il Commissario della Trapani anni '70

Il Maltese: Kim Rossi Stuart
è il Commissario della Trapani anni '70
Belle immagini di una Trapani anni '70 quelle andate in onda ieri in Prima Serata sul Primo Canale RAI con anticipazione sul TG Uno (scansione fotocopertina Rassegna Stampa). Un'ottima interpretazione di Kim Rossi Stuart figlio dell'ex commissario di polizia suicidatosi per essere indagato in rapporti con una minorenne. Tra fiction e realtà: si usava discriminare l'operato di validi inquirenti con la calunnia e la diffamazione a sfondo sessuale per nascondere scottanti inchieste di Mafia ... così come ora si tenta di nascondere col "buonismo estremo" l'enorme massa di danaro che finisce in parte nelle tasche della criminalità organizzata per la tratta degli esseri umani ... il nuovo Grande Business della Mafia in accordo con la massoneria.
sotto: due scansioni del filmato
con le Alfa Romeo anni '70 in dotazione alle Forze dell'Ordine
nella seconda immagine si possono vedere chiaramente le telecamere di videosorveglianza di ultima generazione (freccia blu) ovviamente non ancora ideate e commercializzate negli anni '70. Il grossolano errore è stato rilevato dal giornalista fotoreporter Amedeo Recchi Ripani, che oltre ad essere il Direttore responsabile dell'Osservatorio sulla Giustizia è anche un famoso regista e direttore della fotografia in vari spot televisivi e servizi giornalistici audiovisivi.